Patriziato di Brè

Presentazione

Salvaguardia del territorio, della cultura e della memoria storica costituiscono l’impegno principale del Patriziato di Brè. È infatti grazie alle attività dell’Ente che oggi la popolazione ha a sua disposizione materiale informativo e formativo riguardante il territorio, grazie non solo alla pubblicazione sui toponimi della zona, ma anche alla manutenzione dell’archivio del Patriziato.

Faggeto

Il Patriziato di Brè si è occupato della cura del vasto faggeto sulle pendici del Monte Boglia.

Nucleo e arredo artistico di Brè

La "via dell'arte" si propone di far conoscere ad un più vasto pubblico quest’incantevole villaggio ticinese dove vissero gli artisti Pasquale Gilardi (1885-1934), Wilhelm Schmid (1892-1971) e Josef Birò (1887-1975). Il percorso inizia dalla piazza davanti alla chiesa, attraversa il nucleo di Brè e offre l’opportunità di ammirare le realizzazioni di affermati artisti, noti a livello nazionale e internazionale.

Pineta della Carbonera, Monte Brè

Ad un'altitudine di 925 metri, il Monte Brè è considerato la montagna più soleggiata della Svizzera. Negli anni ’80 – in collaborazione con la Città di Lugano ed il Cantone – il Patriziato si è occupato attivamente della pineta nella zona della Carbonera, sia a livello di piantagione che di successivo sfoltimento delle piante.

Aula nel bosco

Il Patriziato di Bré è molto attento alla formazione dei più piccoli ed al rispetto della natura locale. Per questa ragione ha aderito con grande piacere al progetto cantonale dell’Aula nel Bosco, situata proprio nei boschi del Patriziato, nei pressi della nota funicolare. In particolare, l’Ente ha contribuito alla realizzazione della struttura con un supporto finanziario, dando a tanti bambini Luganesi l’opportunità di trascorrere le proprie ore di scuola immersi nella natura.

Attività culturali

Negli ultimi anni, il Patriziato di Brè si è occupato soprattutto dell’organizzazione di attività ricreative, artistiche e culturali, come ad esempio giornate di trekking dedicate a diverse fasce d’età, le passeggiate per ipovedenti accompagnati dai membri del Patriziato e la realizzazione del presepe di sagex. Infine, il Patriziato di Brè si occupa della manutenzione e della valorizzazione del proprio patrimonio documentale.

La nostra storia

1971

14 dicembre: il Patriziato di Brè assume una grande importanza per il territorio in quanto il Gran Consiglio decreta la fusione dei Comuni di Lugano, Castagnola e Brè pur mantenendone separati i Patriziati.

1996

Pubblicazione sui toponimi di Brè in collaborazione con il Circolo Pasquale Gilardi (Lelèn) e il Repertorio Toponomastico Ticinese.

Oggi

Il Patriziato di Brè dispone oggi di un ricco archivio contenente in particolare i registri dei fuochi patrizi a partire dal 1903, come anche i verbali delle sedute dell’amministrazione e dell’Assemblea Patriziale a partire dal 1865.

PRESENTE

Video

Il nostro territorio

L’estensione del territorio posseduto dal Patriziato di Brè è di circa 247’310 m² prevalentemente ricoperti di bosco e prati.

Attività

– Cosa abbiamo fatto –

  • Pubblicazione sui toponimi di Brè in collaborazione con il Circolo Pasquale Gilardi (Lelèn) e il Repertorio Toponomastico Ticinese.
  • Cura del ricco archivio del Patriziato.
  • Cura di una superficie boschiva di circa 250 ettari sui 410 ettari totali del territorio.
  • Cura di una piantagione di conifere.
  • Cura di un vasto faggeto sulle pendici del Monte Boglia.

– Cosa faremo –

  • Cura e manutenzione di tutti i beni del patriziato.
  • Ricostruzione storica dell’araldica delle famiglie patrizie di Brè.

Le famiglie Patrizie

Aprile, Caratti, Danesi, Demarchi, Gianini, Gilardi, Malacrida, Monti, Navoni, Pedrotta, Pizzagalli, Prati, Raselli, Rizzi, Sabbioni, Sala, Schulz, Scopazzini, Taddei, Tenzi e Zeppi.

News

Non ci sono news al momento.

Contatti

    Modulo di contatto

    TORNA SU