Patriziato di Davesco-Soragno

Presentazione

L’attenzione del Patriziato di Davesco-Soragno è da sempre rivolta alla comunità e la sua missione è il mantenimento e lo sviluppo del territorio e dell’economia locale.
La proprietà patriziale è costituita principalmente da una superficie boschiva che si estende per 661’000 m2 sulle falde del Monte Boglia, ad un terreno da costruzione a Cossio, alla sorgente patriziale, alla fornace, al prato da pascolo in zona Pianasc e alla recente strada forestale che dalla Valàa sale al Colorino. Il suo stemma, emblematico delle ricchezze del territorio, rappresenta immagini del sole, di un ramo di rovere con il frutto che insieme ai colori rosso e blu simboleggiano i 4 elementi naturali: aria, acqua, terra e fuoco.

Fornace

Per il Patriziato di Davesco-Soragno, il mantenimento della memoria storica e culturale del territorio è davvero molto importante. È per questo che l’Ente si è impegnato nel recupero dell’antica fornace, situata a circa 840 m s.l.m. e un tempo adibita all’estrazione della calce. Oggi è possibile ammirare la struttura mentre si fa una tranquilla passeggiata sul territorio del Patriziato.

Sorgente

Sul territorio del Patriziato è presente una sorgente. L’Ente ha lavorato molto per riuscire ad indirizzare l’acqua verso i rustici che si trovano nella zona: grazie all’installazione di un sistema meccanico di pompe e alla sua costante manutenzione, il Patriziato ha contribuito alla distribuzione idrica sia a monte che a valle della sorgente.

Bosco

Il Patriziato di Davesco Soragno è ricoperto, per l’85% del suo territorio, da boschi. I patrizi sono infatti considerati i custodi di questo territorio, del quale si prendono cura continuamente. Le attività che svolgono in queste zone non solo solo legate alla pulizia del bosco o al mantenimento della strada forestale, ma anche all’acquisto, alla permuta e alla riattazione di diversi edifici rurali, come ad esempio il Rustico del Colorino e il Roccolo.

La nostra storia

1400

Sono costituite le Vicinanze per l’amministrazione dei beni territoriali, anche appartenenti alla zona di Davesco-Soragno.

1804

Con la nascita del Comune autonomo, il Patriziato sostituisce la Vicinanza.

1997

20 agosto: il Patriziato di Davesco-Soragno è riconosciuto dal Consiglio di Stato come corporazione di diritto pubblico.

PRESENTE

Video

Il nostro territorio

La proprietà patriziale è costituita principalmente da una superficie boschiva che si estende per circa 700’000 m² (effettivi 661’158 m²). È ubicata sulle falde del Monte Boglia, parte da quota 800 m s.l.m. e si estende fino alla cima del Monte Boglia a quota 1516 m s.l.m. Confina a nord con il Patriziato di Cadro a sud con il comune di Pregassona, a est con il Patriziato di Brè e con l’Italia.

Attività

– Cosa abbiamo fatto –

  • Sistemazione della sorgente patriziale in zona Predagrossa.
  • Realizzazione della pista forestale in zona Cadro, Valàa fino al Colorino.
  • Ripristino della fornace in zona Pianasc.
  • Gestione e manutenzione della sorgente in zona Predagrossa.

– Cosa faremo –

  • Continuazione della pista forestale da Colorino al terreno da pascolo in zona Pianasc.
  • Progetto selvicolturale boschi di protezione del Monte Boglia, per il quale è previsto nei prossimi 15 anni un investimento di ca. CHF 14 Mio di franchi da parte della Confederazione, Cantone e Città di Lugano.

Le famiglie Patrizie

Alberti, Antonietti, Casoni, Fassora, Gianini, Rezzonico, Vittori, Soldati, Giacomazzi.

News

Non ci sono news al momento.

Contatti

    Modulo di contatto

    TORNA SU